→ Iscriviti
→  ottobre 1, 2004

il_riformista
Il fine del riformismo non è la pace sociale, ma fare ciò che Berlusconi ha solo promesso

Ulivo, quercia, triciclo, balena bianca, perno…: il linguaggio della politica fa largo uso di metafore. Anche “destra e sinistra” è una metafora, e nessuno, usandola, pensa più al modo in cui si dispongono i deputati nei parlamenti. Ma poi finisce che le metafore vivono di vita propria, prendono concretezza, influenzano il ragionamento. A forza di dire destra e sinistra, essere di destra o essere di sinistra, finiamo per credere che sia un fatto di natura che il mondo delle preferenze politiche sia unidimensionale e ordinabile lungo un asse orizzontale.

leggi il resto ›

→  luglio 15, 2004

il_riformista
Le tentazioni neo-prop, la debolezza della politica e la speranza riformista (che non muore)

Sabato scorso, al seminario di Libertà Eguale a Val Màsino, Pietro Modiano, il numero due di Unicredito, invitava a guardare al di là delle ingombranti immagini dei poteri cosiddetti forti, che poi a volte più che forti sono esausti. L’Italia, diceva, è popolata da migliaia di imprese che lavorano, che guadagnano, che mantengono il valore assoluto delle proprie esportazioni, che viaggiano per il mondo, che a migliaia sono in Cina alla ricerca di opportunità. “Sono i nostri clienti”, concludeva, “li conosciamo uno per uno”. E mi chiedevo: Perché il centrosinistra non dovrebbe proporsi da dare rappresentanza politica a questo mondo? Perché il centrosinistra non dovrebbe risultare credibile facendo proprio questo messaggio?

leggi il resto ›

→  maggio 11, 2004

il_riformista
Non siamo in guerra col mondo arabo, ma non lasciamo l’Iraq ai torturatori

E’ vero: la CNN che trasmette le immagini delle torture è la dimostrazione della forza di un sistema liberale e pluralistico che ancora funziona, come quello americano; che siano le amministrazioni stesse a rivelarle e a condannarle, testimonia quanto più forte sia il sentimento democratico rispetto alle deviazioni. E’ vero, ma la cosa non basta a tranquillizzarci.

leggi il resto ›

→  maggio 8, 2004

il_riformista
“Malgrado la sfiducia crescente – la RAI viene considerata di parte, Alitalia è da molti reputata un carrozzone – la maggioranza assoluta della popolazione vuole che le due aziende restino in vita sotto il controllo dello Stato”.

“Malgrado la sfiducia crescente – la RAI viene considerata di parte, Alitalia è da molti reputata un carrozzone – la maggioranza assoluta della popolazione vuole che le due aziende restino in vita sotto il controllo dello Stato”. Il sondaggio di Renato Mannheimer pubblicato ieri sul Corriere della Sera è un documento che andrebbe messo nella cartellina dei convegni in cui politici e politologi, industriali e banchieri, insomma la classe dirigente del paese si raduna e discute delle cause del nostro declino come nazione industriale.

leggi il resto ›

→  aprile 20, 2004

il_riformista
Chi non vuole il passaggio di poteri agli iracheni

La questione irachena consegna alla sinistra un compito di eccezionale rilievo. In qualche misura, ancora di più che alla maggioranza.
Chi ha la risorsa governo, ha il vincolo di operare nel campo del reale, deve far conto delle incertezze e delle contraddizioni del mondo qual è.

leggi il resto ›

→  aprile 10, 2004

il_riformista
Crisi Irak. La risposta di Franco Debenedetti a Peppino Caldarola

Caldarola sceglie di “cambiare idea” rispetto a quanto aveva sostenuto qualche settimana fa: e chiede di venir via subito dall’Irak.
La cosa sorprende, perché invece oggi la sinistra riformista può sostenere di restare in Irak senza “cambiare idea” sui fatti del 2003. Quella di oggi è infatti una situazione diversa rispetto a quella del 2003, e non ne consegue deterministicamente.

leggi il resto ›