→ Iscriviti
→  giugno 17, 2022


Dopo i motori a vapore e internet, oggi c’è una “telemigrazione” di persone che sta cambiando faccia al mondo del lavoro e delle idee

Tra il 1820 e il 1990 la quota di pil dei paesi del G7 era passata dal 20 per cento a quasi il 70 per cento del pil mondiale; da allora è ridiscesa al 50 per cento, circa il livello che aveva nel 1900. Questa inversione di tendenza indica che una nuova e diversa forma di globalizzazione è succeduta a quella precedente. La prima era dovuta ai motori a vapore che avevano abbattuto i costi per il trasporto di merci, la cui domanda era cresciuta con la pace dopo le guerre napoleoniche. La seconda globalizzazione è avvenuta quando internet ha abbattuto i costi per trasferire le idee da un paese all’altro. La prima favoriva la delocalizzazione di produzioni su larga scala in un ristretto numero di paesi, dove poi si aggregavano localmente, al fine di ridurre i costi di coordinamento. La seconda entra dentro l’impresa e ne disperde le singole attività tra diversi paesi: nascono le catene del valore globali. Oggi non c’è nessun prodotto che possa dirsi interamente “nazionale”. Per converso, come dimostrano le sanzioni alla Russia per l’invasione ucraina, nessun paese è autosufficiente, l’espulsione dal commercio internazionale può essere letale.

Nella prima globalizzazione si trattava di prodotti finiti, tipico l’automobile (pensiamo alla Fiat a Togliattigrad o a Belo Horizonte), sfruttando i vantaggi comparati del paese (i bassi costi del lavoro) per vendere più beni all’estero; nella seconda è trarre il massimo guadagno dalla vendita del proprio know-how: “The Great Convergence”, come Richard Baldwin chiama la globalizzazione prodotta dalle tecnologie dell’informazione.

Parallelamente cambia anche la natura dei rapporti legali: nella prima erano i paesi a garantire le condizioni per il buon funzionamento dell’impresa. Nella seconda sono le singole imprese locali a stipulare accordi, a volte cementati da una partecipazione azionaria; gli stati hanno “solo” liberalizzato commercio, investimenti, movimenti di capitali, servizi, proprietà intellettuale.

Nonostante da un paio di secoli i vantaggi della globalizzazione siano dimostrati teoricamente e verificati empiricamente, essa trova nemici sia nei paesi che la “importano” sia in quelli che la “esportano”. Nei primi per motivi culturali e politici: insieme alle tecnologie si trasferisce cultura, per produrre in modo efficiente un oggetto bisogna sapere a che cosa serve e come verrà usato, e quindi la mentalità di chi lo userà. Questo è visto come un pericolo: le questioni di genere da parte dei custodi delle tradizioni patriarcali, la libertà di parola da parte di chi detiene il potere.

Nei paesi che delocalizzano ci sono state conseguenze politiche di prima grandezza: sia chi ha contribuito alla vittoria di Trump sia chi ha sostenuto la Brexit vogliono che ci si riappropri del valore dei beni riportandone a casa la produzione. Ma individuare i settori che cresceranno è difficile, anche per questo ci vogliono nuove politiche: dell’istruzione, perché i ragazzi imparino a imparare, saranno impegnati a un’istruzione a vita. E del lavoro: per rendere più facile ai lavoratori di adattarsi a nuovi mestieri, proteggere loro non i posti di lavoro.

Da oltre due secoli si sa che le nazioni diventano ricche se impiegano le loro risorse per fare le cose che sanno fare meglio di altri. Paesi come Stati Uniti e Regno Unito sono diventati ricchi innovando, non inseguendo paesi che si arricchiscono solo perché hanno salari bassi. E tanto meno “proteggendo” le produzioni nazionali con dazi che graveranno sui consumatori; o imponendo regole che ne facciano un monopsonio, riducendo la concorrenza e quindi la spinta a innovare.

Oltretutto la battaglia per difendere i prodotti è una battaglia di retroguardia: nei paesi avanzati già l’80-90 per cento delle persone e le aziende con la maggiore capitalizzazione del mondo, lavorano nel settore dei servizi. Sono diventate il simbolo della civiltà capitalistica.

Come la pandemia ci ha insegnato, c’è una nuova fase della globalizzazione, che Baldwin chiama “telemigrazione”, fatta da gente che sta in un paese e lavora in uno o più altri. Medici indiani che esaminano lastre radiografiche di un ospedale europeo, ma anche un avvocato di Londra o un finanziere di New York che vendono le loro consulenze in giro per il mondo. Anche “vendere” progetti di impresa può diventare un’impresa: Upwork offre a persone di talento la possibilità di partecipare a un progetto che li stimola e viceversa a chi ha un’idea di trovare le persone con le caratteristiche adatte, in tutto il mondo. Una specie di cloudsourcing di progetti e di persone, che qualcuno vede come la terza globalizzazione.

ARTICOLI CORRELATI
Understanding the New
Nationalism
di Darin Acemoglu – Project Syndicate, 8 giugno 2022

Prima l’epidemia, poi la guerra. Ma populismo e sovranismo non battono in ritirata
di Giovanni Cominelli – santalessandro.org, 7 maggio 2022

La globalizzazione: un bene necessario!
di Antonino Sala – Il Tradizional Popolare… Il blog di Antonino Sala, 3 maggio 2022

I valori della globalizzazione e i loro nemici. Scrive Pennisi
di Giuseppe Pennini – formiche.net, 20 aprile 2022

Non erano illusioni
di Sabino Cassese – Il Corriere della Sera, 19 aprile 2022

Così la guerra mette freni alla globalizzazione
di Alessandro De Nicola – La Stampa, 17 aprile 2022


Pubblicato In: Giornali, Il Foglio
→  giugno 10, 2022


L’Ucraina è solo un ostaggio: l’ossessione del Cremlino è per la minaccia dell’occidente

Quando Svezia e Finlandia hanno dichiarato la loro volontà di aderire alla Nato, la Russia non ha protestato né posto veti, né d’altra parte avrebbe potuto farlo. Ha posto solo una condizione, che non venissero depositate testate atomiche in prossimità della lunghissima linea di confine con la Finlandia. Essendo escluso che gli americani, insieme alla bomba, forniscano anche il codice per attivarla, quale minor vantaggio avrebbe la Nato e quale minor rischio correrebbe la Russia se le testate fossero posizionate un centinaio di chilometri più a ovest? Più distante vuol dire più tempo per raggiungere il bersaglio, quindi maggiore possibilità di intercettare il vettore, e di abbatterlo in volo. Ma con i missili supersonici, che i russi vantano e gli americani o già hanno o presto avranno, il maggior tempo che impiegherebbe un missile che partisse cento chilometri più lontano sarebbe di pochi secondi: non ridurrebbe in modo significativo la capacità offensiva della Nato né quella difensiva della Russia.

leggi il resto ›


Pubblicato In: Giornali, Il Foglio
→  maggio 20, 2022


Il successo industriale è prevedibile? Che cosa ha fatto sì che a Silicon Valley si sviluppasse il primo centro mondiale di innovazione tecnologica? Perché alcuni prodotti hanno successo e altri no? Esiste qualcosa che renda meno aleatorio individuare le scelte che decretano il successo? È l’interaction design, un campo interdisciplinare di ricerca per comprendere come la tecnologia interagisce con i processi cognitivi e con le preferenze individuali. L’idea di creare in Italia un centro di ricerca e a realizzarlo è stata di Barbara Ghella, mancata pochi giorni fa.

leggi il resto ›


Pubblicato In: Giornali, Il Foglio
→  maggio 8, 2022


Intervista di Aldo Cazzullo a Carlo De Benedetti

L’imprenditore: «Questo conflitto si sovrappone a una recessione molto severa con effetti catastrofici. No all’invio di armi, serve una soluzione negoziale»

Carlo De Benedetti, qualche sera fa da Lilli Gruber sul La 7 lei ha detto: «La pace è finita, comincia la fame». È così pessimista?
«No: vedo solo ciò che sta accadendo. Una guerra che si sovrappone a una recessione molto severa, come quella cui stiamo andando incontro, è assurda, senza senso. Le conseguenze sarebbero catastrofiche».

leggi il resto ›


Pubblicato In: Corriere Della Sera, Giornali
→  maggio 7, 2022

Una bibliografia sul diritto all’aborto.

Of Abortion, Gender and Ukrainian war in US politics
di Francesco Sisci – Settimananews, 07 maggio 2022

Diritto all’aborto, la democrazia è l’unica cosa da portare con sé mentre il mondo cambia
di Luigi Testa – Domani, 06 maggio 2022

Poland’s Abortion Ban Protests Changed the Country Forever
di Joy Neumeyer – Foreign Policy, 08 novembre 2021

What Happens When Women Can’t Get Legal Abortions
di Neha Wadekar – Foreign Policy, 03 settembre 2021

Manila’s Abortion Ban Is Killing Women
di Nick Aspinwall – Foreign Policy, 29 maggio 2019

What Actually Happens When a Country Bans Abortion
di Amy Mackinnon – Foreign Policy, 16 maggio 2019

On the Front Lines of El Salvador’s Underground Abortion Economy
di Nina Strochlic – Foreign Policy, 03 gennaio 2017


Pubblicato In: Varie
→  maggio 5, 2022


«Barbara mia, sei la persona più bella, più intelligente, più generosa che potessi incontrare. A te devo le più belle fra le cose che ho avute e le migliori fra le cose che ho fatte; possa il pensiero di te aiutarmi a passare dignitosamente il tempo che ancora dovrò vivere senza di te», Franco Debenedetti dice addio con un lungo messaggio all’amore della sua vita, Barbara Ghella.

leggi il resto ›


Pubblicato In: Corriere Della Sera, Giornali