→ Iscriviti

Archivio della categoria »Il Sole 24 Ore« Segui questo argomento

→  settembre 11, 2020


Open Fiber al mio articolo del 8 settembre 2020

Nonostante sia da sempre un grande appassionato dell’operato di Open Fiber, Franco Debenedetti ancora una volta dimostra di non avere un’idea chiara dei numeri che la riguardano, confondendo case connesse con attivazioni e ignorando – o forse tacendo – del ricalcolo sui comuni delle aree bianche avvenuto d’intesa con Infratel al fine di riflettere la situazione rinvenuta sul campo. Riguardo alle presunte difficoltà o fallimenti di Open Fiber, lo rassicuriamo e anzi forniamo qualche dato più aggiornato per eventuali ricostruzioni future: con oltre 9 milioni di unità immobiliari connesse, Open Fiber è il terzo operatore FTTH in Europa dopo Telefonica e Orange e il primo tra gli operatori wholesale only del continente. In effetti, considerati gli oltre ioo operatori (tra cui tutti i principali tranne TIM) che hanno scelto di utilizzare la rete di OF e le dichiarate manifestazioni di interesse ad acquisire l’azienda o quote di essa, per descrivere scenari come quelli ipotizzati dal prof. Debenedetti è necessario un certo esercizio di fantasia.

Andrea Falessi – Responsabile Relazioni Esterne Open Fiber


leggi il resto ›

→  settembre 8, 2020


È caduto il muro di Gasparri: teneva separate telecomunicazioni e comunicazioni. E invece la Corte del Lussemburgo dichiara legittimo che un soggetto possa detenere partecipazioni in imprese e di telecomunicazioni e di televisioni. Il TUSMAR (ex legge Gasparri) che lo proibiva non è coerente con la normativa europea. La sentenza mette la parola fine a un tema che ha occupato il dibattito politico fin dalla discesa in campo del Cavaliere, quello del suo “potere esorbitante”. Oltre quindici anni dopo la legge Gasparri pone un limite ai ricavi pubblicitari che un soggetto può trarre nel Sistema Integrato delle Comunicazioni: sarà sufficiente, si chiedevano preoccupati gli antiberlusconiani militanti, per impedire a Mediaset di prendere il controllo di Telecom?

leggi il resto ›

→  agosto 29, 2020


Se non varrà la legge di Murphy, cioè se TIM manterrà il controllo della rete, con un’importante poltrona di rappresentanza per Open Fiber, avremo finito di mangiare, come da cinque anni a oggi, fibra e ideologie. Ne ho contate cinque: del ritardo nella banda larga; del rischio di sprecare investimenti; della superiorità di una tecnologia; del pregiudizio contro le reti verticalmente integrate; dei fallimenti di mercato.

leggi il resto ›

→  marzo 4, 2020


Quando si chiamava Telecom, innumerevoli erano stati gli interventi pubblici nella vita dell’ex monopolista delle telecomunicazioni. Da quando si chiama TIM sembrava che non ce ne fossero stati di nuovi. Con preoccupazione si è quindi appreso che, avendo il fondo KKR manifestato l’interesse a prendere una partecipazione fino al 49% nella rete secondaria di TIM per contribuire a finanziarne la transizione dal rame alla fibra, il Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri ha tenuto a ricordare a TIM che la rete è “strategica”, come è dimostrato dal fatto che la legge gli conferisce il potere di esercitare la golden power, vale a dire di negare il suo consenso. Se neanche il governo, e neanche il PD, dimostrano di non considerare che la ex-STET è un’azienda privata, non c’è da stupirsi che ancora tanti non perdonino a Ciampi di averla venduta tutta.

leggi il resto ›

→  gennaio 22, 2020


L’idea della politica industriale continua a sedurre: i politici, che così pensano di dimostrare ai cittadini che hanno la situazione sotto controllo; gli imprenditori, specie quelli con qualche problema, che pensano che ci sia qualcosa da guadagnare da quello che i politici dovranno fare. Guadagnare di più è l’obbiettivo naturale delle aziende, non hanno bisogno di essere pungolate per perseguirlo. E quanto al Paese, bisognerebbe incominciare a non distruggere quello che c’è: leggi ILVA, Atlantia, e, se non ci fosse stato Marchionne a impedirlo, anche Pomigliano.

leggi il resto ›

→  dicembre 20, 2019


Lunedì scorso, Auditorium del Sole, assegnazione dei premi per la migliore qualità della vita delle città italiane: vince, per la seconda volta, Milano, non solo sui parametri economici, ma anche per servizi e per il livello culturale. Dopo il Sindaco Sala, parte un intervenuto registrato del ministro Lorenzo Fioramonti, il quale coglie l’occasione per sostenere (a Milano, poi!) che il PIL non è l’indicatore giusto per misurare il benessere. Osservazione già sentita in più pertinenti occasioni, ma preoccupante in bocca al ministro di un governo che il PIL proprio non riesce a farlo crescere, nonché esponente di un partito che, il PIL, ha fatto quel che poteva per farlo calare. E continua a farlo, con una serie di invasioni nel perimetro delle politiche industriali che ricordano temi e toni che si credevano consegnati al passato.

leggi il resto ›