Un autorevole senatore dell’Ulivo dice malissimo del governo con molta lealtà

febbraio 21, 1997


Pubblicato In: Giornali, Il Foglio


Al Direttore.

Che i governi di coalizione siano costretti a politiche di stop and go, tra sor­tite coraggiose e ritirate strategiche, è naturale. Ma nel caso nostro, dov’è il go?

L’Enel, già in pole position per essere priva­tizzata, è stata retrocessa. La vendita di Stet per unità separate, timidamente iniziata con Seat, si è arenata di fronte all’assai più lucrativa Ttm. Sulle pensioni, accordo solo su qualche ex­ploit demagogico. Ferrovie, la triangolazione Burimulo-Prodi-Burlando finisce con la palla ai sindacati. Poste idem. Riforma fiscale: sull’I­rep già si addensano nubi. Assistenza: si atten­dono gli scontri tra le due commissioni, quelle di Palazzo Chigi e quella di Botteghe Oscure. Privatizzazione delle Casse di Risparmio: un di­segno di legge rende le Fondazioni soggetti di diritto privato, sicché nessun governo potrà mai più intervenire: un fastidio in meno.

In questo quadro arriva come un fulmine a ciel sereno la proposta di Prodi- privatizziamo la Rai. E, per quanto ci si sforzi, non si riesce a capirne le ragioni (della proposta, non del suo contenuto, s’intende).

Un attacco a Maccanico e alla legge sulla quale sembrava possibile un accordo? Ma non è certo da Maccanico che possono venire peri­coli per il governo.

Un bastone fra le ruote a D’Alema e ai pos­sibili accordi bipartisan in Bicamerale? Biso­gnerebbe che l’azionista di Mediaset fosse inte­ressato a una simile soluzione, cosa che non sembra.

Un modo per far scoppiare le contraddizioni, come si diceva una volta, all’interno del Polo? Ma quelle ci sono già, e non sembra un calcolo troppo astuto pagare per questo il prezzo di far­le scoppiare all’interno dell’Ulivo, inimicando­si proprio le forze che controbilanciano il peso del Pds. E poi, se proprio si arrivasse a tanto, quelli metterebbero la golden share anche sulla Mara Venier!

Un’opportunità offerta a Stet per entrare nel business delle comunicazioni di massa? Ma una simile eventualità significherebbe di fatto rinviarne di un paio d’anni la vendita: per quanto Stet sia la pupilla dei suoi occhi, sem­bra difficile che Prodi voglia rischiare i rappor­ti con Ciampi a Roma e con Van Miert a Bruxelles (e forse con Tietmeyer a Francoforte).

Ricordando un colloquio di tanti anni fa ­credo che fosse all’inizio del primo mandato in Iri – in cui mi diceva della sua determinazione di usare il diritto dell’Iri a nominare il diretto­re generale della Rai – determinazione poi ri­dotta a più miti consigli – ho persino pensato a una rivalsa postuma. Ma anche conoscendo le doti di memoria del personaggio, sembra un’i­potesi tirata per i capelli

Non resta che la più incredibile, la più disar­mante delle ipotesi: Prodi ha voluto fare un re­galo al partito del mercato. Un regalo? Nell’I­talia dello stop and go, più che altro è un pen­siero. Gradito, comunque.

La risposta di Giuliano Ferrara.

Viva la faccia. Franco Debenedetti è un senatore eletto nelle liste dell’Ulivo. Non ha alcuna voglia di passare dall’altra parte. Ma non ha nemmeno voglia di scaldare il seggio e di rinunciare alla testa. E’ un uomo saggio, alla Montaigne: sa che anche seduti sul seg­gio più alto, si è sempre seduti sul proprio culo. E che dunque è meglio fare la propria parte in interiore ed esterna libertà. Ecco perché dice, in questa lettera a un giornale d’opposizione (che a sua volta si prova con modestia a criticare l’opposizione, quando è il caso) tutto il male possibile dell’azione del “suo” governo, della “sua” maggioranza. I sistemi uninominali, dove i rappresentan­ti contano perché hanno un’identità e un programma, dovrebbero funzionare così: niente ribaltoni, dialogo fuori dagli schemi. Grazie, condividiamo.

Invia questo articolo:
  • email



Stampa questo articolo: