→ Iscriviti

Archivio per il Tag »politica«

→  maggio 7, 2022

Una bibliografia sul diritto all’aborto.

Of Abortion, Gender and Ukrainian war in US politics
di Francesco Sisci – Settimananews, 07 maggio 2022

Diritto all’aborto, la democrazia è l’unica cosa da portare con sé mentre il mondo cambia
di Luigi Testa – Domani, 06 maggio 2022

Poland’s Abortion Ban Protests Changed the Country Forever
di Joy Neumeyer – Foreign Policy, 08 novembre 2021

What Happens When Women Can’t Get Legal Abortions
di Neha Wadekar – Foreign Policy, 03 settembre 2021

Manila’s Abortion Ban Is Killing Women
di Nick Aspinwall – Foreign Policy, 29 maggio 2019

What Actually Happens When a Country Bans Abortion
di Amy Mackinnon – Foreign Policy, 16 maggio 2019

On the Front Lines of El Salvador’s Underground Abortion Economy
di Nina Strochlic – Foreign Policy, 03 gennaio 2017

→  aprile 15, 2022


La proposta di istituire un “tribunale speciale per Putin” (il Foglio del 21 marzo) aveva suscitato critiche opposte: per alcuni perché giudicata irrealizzabile, per altri perché considerata inutile. Irrealizzabile perché non si sarebbe mai trovato l’accordo tra Stati Uniti e Russia necessario per istituirlo. Inutile perché già esiste all’Aia la Corte penale internazionale (Cpi), istituita a Roma nel luglio 1998, con competenza sui crimini più seri che riguardano la comunità internazionale nel suo insieme, cioè il genocidio, i crimini contro l’umanità e i crimini di guerra.

leggi il resto ›

→  marzo 21, 2022


L’aggressione a uno stato è già riconosciuta come un crimine: serve un meccanismo specifico che lo punisca, scrive Murray Hunt

Come finirà questa guerra? Che cosa può far sì che non ci coinvolga tutti in un disastro? Certo, dare armi agli ucraini, in modo che il loro eroismo costi caro ai russi. Certo, le sanzioni economiche che faranno implodere l’economia russa. Forse, assuefarci all’idea che nella patria di Voltaire e di Kant possano essere usate bombe atomiche tattiche. Murray Hunt ha un’idea paradossale, e la espone in un saggio per Project Syndicate dell’11 marzo: un tribunale speciale per Putin.

leggi il resto ›

→  febbraio 25, 2022


A 30 anni da Mani pulite, c’è una grande rimozione nazionale: l’azienda pubblica usata come una mucca

Il 17 febbraio 1992 veniva arrestato Mario Chiesa: il trentesimo anniversario è stato l’occasione per rievocare la stagione di Mani pulite, in modo particolare gli eventi giudiziari. Sette mesi dopo, il 16 settembre, l’Italia sarebbe uscita dal Sistema monetario europeo: ma la ricorrenza non è stata l’occasione per investigare la relazione tra le due crisi, quella politica e quella economica. E neppure per ricostruire il meccanismo attraverso cui danaro privato finiva ai partiti, che pure offre interessanti considerazioni su quel passato, e non solo. Il meccanismo presuppone che accanto a una transazione economica “normale” tra un soggetto privato (fornitore) e un soggetto pubblico (cliente), ve ne sia una “occulta” con cui il privato mette un importo (la tangente) nella disponibilità di chi ha avuto il potere di originare la transazione, importo che egli successivamente verserà al suo partito di riferimento. E’ quindi necessario che ci siano: primo, attività economiche pubbliche; secondo, potere dei partiti politici di mettervi, in posizioni con potere esecutivo, persone di propria fiducia; terzo, sistemi finanziari per trasferire gli importi delle tangenti al partito dante causa.

leggi il resto ›

→  febbraio 3, 2022


Al direttore.

Sergio Mattarella, che per mesi e mesi aveva ribadito di voler chiudere il suo settennato alla scadenza naturale, quando vedeva che, al succedersi delle votazioni, crescevano i consensi sul suo nome, avrebbe potuto ribadire la propria indisponibilità: a sostenerlo è stato Fabio Dragoni, della Verità, a “DiMartedì”, di Giovanni Floris su La 7 (minuto 35). Evidentemente non sa che la Costituzione (art.87) tra i poteri del presidente della Repubblica mette quello di indirizzare messaggi alle Camere, con modalità rigorosamente precisate. E’ ovvio che un intervento sull’espressione della propria volontà di un parlamentare, o sulle determinazioni dei partiti, mentre sono in corso votazioni sarebbe gravemente improprio, probabilmente al limite di una violazione della Costituzione. Come se non bastasse, Dragoni aggiunge che “Mattarella ha giocato la sua partita e l’ha vinta”: parole che conviene non commentare perché risuonino nella loro insultante assurdità. Ma riportare, perché rimangano a disdoro di chi le ha pronunciate.

leggi il resto ›

→  gennaio 27, 2022


Sarebbe un governo fortissimo. C’è da chiedersi se quelli che lo vogliono tenere a Palazzo Chigi sappiano quello che fanno

La richiesta che Draghi continui a presiedere questo governo, fatta evidentemente per eliminare un concorrente molto temibile per il Quirinale, ha la conseguenza non intenzionale di diventare una mozione di fiducia senza se e senza ma. C’è da chiedersi se quelli che la propongono sappiano quello che fanno.

leggi il resto ›