Sinistra e prescrizione

ottobre 1, 2019

0


Pubblicato In: Giornali, Il Foglio


Il Pd disinteressato a bloccare l’entrata in vigore della riforma e Renzi dà ragione a Bonafede. Molto male.

Al Direttore.
“La prescrizione, diceva sabato Giorgio Armillei al convegno di LibertàEguale, garantisce la non punibilità solo quando la punizione non è più manifestazione del potere dello Stato di usare la forza per sanzionare i comportamenti incriminati, ma rappresenta l’autorità arbitraria e cieca che annienta l’individuo a proprio piacimento” E’ questione di legalità costituzionale: sono in gioco diritti dell’individuo, non scambiabili con la durata del processo, che è un fatto di efficienza dell’amministrazione. Che bloccare l’entrata in vigore delle disposizioni sulla prescrizione non sia tra le richieste non negoziabili della sinistra, è grave. Che non ne faccia parola Matteo Renzi nella lunghissima intervista, arrivando anzi a dire di essere più d’accordo con Bonafede che con Orlando, ha dell’incredibile. Infatti, per molti di noi, l’uscita di ItaliaViva del PD è in linea di continuità con il rifiuto di Renzi di portare il PD al tavolo delle trattative con il M5S: dopo le elezioni, prima delle prove date dal governo gialloverde, il PD si sarebbe perso. E oggi risponde alla necessità politica di evitare che l’eccessiva cedevolezza del PD dimostrata nella fase di formazione del governo abbia a proseguire. L’impegno a bloccare la legge sulla prescrizione è l’occasione di dimostrare che non ci siamo sbagliati.

ARTICOLI CORRELATI
Il discorso conclusivo di Giorgio Tonini è visibile su Radio Radicale a questo link

Una riforma, tanti rami: questione giustizia e politiche pubbliche
di Giorgio Armillei – LibertàEguale, 28 settembre 2019

Manifesto per un governo vivo
Intervista di Claudio Cerasa a Matteo Renzi – Il Foglio, 30 settembre 2019

Romano e Ceccanti ci spiegano perché il Pd rischia di grillizzarsi
di David Allegranti – LibertàEguale, 01 ottobre 2019

Invia questo articolo:
  • email



Stampa questo articolo: