Giusta protesta del senatore Debenedetti… Ma anche l’ironia vuole la sua parte

agosto 28, 1996


Pubblicato In: Giornali, Il Foglio


Al direttore.

Leggendo che “in Parla­mento il partito Olivetti è ovviamente rappre­sentato dal senatore progressista Franco Debenedetti” (“Analisi – anche malevole – delle opinioni su Stet”, Il Foglio del 24 agosto), ab­bozzo dapprima una difesa sprezzante: “nun c’è bisogno ‘e zingara”, che aprire spazi all’iniziativa privata sia una delle ragioni per com­battere monopoli e posizioni dominanti, questa si e un’ovvietà. E poi è chiaro, per l’articolista l’”ovviamente” di oggi sostituisce l’”oggettivamente” di ieri.

Ma ben presto mi accorgo che è inutile: sono scoperto, devo sconfessare tutto. Fui iniziato nel 1992, incombevano i progetti à la Guarino, e io sostenevo invece doversi privatizzare vendendo i singoli business: pur avendo lasciato da un anno Olivetti sapevo, ovviamente, che sarebbe in seguito entrata nei telefonini. Divenuto parlamentare, nel 1994 documentavo le ragioni di privatizzare l’Enel per attività separate: al fine di costituire un precedente favorevole al mio partito, ovviamente. Quando ho sostenuto che chi chiedeva a Berlusconi di risolvere il conflitto di interes­si doveva logicamente volere la privatizzazione totale della Rai, sparavo solo a salve contro un obiettivo ovviamente (questo sì) irraggiungi­bile. E solo fuochi d’artificio erano le mie prese di posizione per il superamento del sistema del­le scatole cinesi: ovviamente. Al divieto a Stet di entrare nella tv non deve corrispondere il di­vieto a Mediaset di entrare nella telefonia: è so­lo per svagatezza estiva se non ricordo il moti­vo per cui lo argomentavo, ma era senz’altro ovvio. Chiara invece la ragione della mia pro­posta per privatizzare le banche pubbliche: la situazione finanziaria dell’Olivetti, ovviamen­te. Per oggi ho finito la mia confessione. chiedo di essere ammesso al programma di protezio­ne (finanziato da Mmp): cambierò nome, or­mai ho una ragione in più per sapere che in questo paese i liberisti non vinceranno mai: ovviamente.

La risposta di Giuliano Ferrara

“Ovviamente” era un avverbio mal scelto. perché alludeva alla fratellanza senza tener conto di Caino e Abele. Per il resto non esi­ste difficoltà alcuna a riconoscere al sena­tore Debenedetti una indipendenza di giu­dizio che va oltre il suo grado di parentela con il presidente di Olivetti. Ma non sia co­sì amaro, senatore; ci avevamo messo dell’i­ronia, avevamo tirato in ballo perfino le no­stre simpatie e i nostri pregiudizi sulla que­stione Stet, prendendo un po’ in giro anche noi stessi. Ci riconosca almeno la buona fe­de, se non altro “oggettivamente”.

Invia questo articolo:
  • email



Stampa questo articolo: