Enel costretta a vendere

dicembre 15, 2010


Pubblicato In: Giornali, La Repubblica


Lettera a Repubblica

“Costretta”, costretta a vendere per smontare il monopolio dell’energia elettrica, e quindi a trovare altri settori in cui investire per “mantenere dimensioni adeguate”. Così rispondendo ad Alessandro Penati, l’Ufficio relazioni con i media dell’Enel ammette le resistenze opposte alla volontà politica del suo azionista, rappresentato per l’occasione dal premier Prodi e dal Ministro Bersani, di liberalizzare il mercato, l’insofferenza esibita verso l’Autorità di regolazione all’uopo istituita dal Parlamento, le ambizioni coltivate prima in telefoni e acqua per diventare una multiutility, poi in altri Paesi per diventare una multinazionale. E giustifica con quella “costrizione” iniziale i deludenti risultati che ne sono seguiti. Insolito trovare in un organo aziendale un tale rispetto per la verità storica. Complimenti!

ARTICOLI CORRELATI
Se anche Enel perde la campagna di Russia
di Alessandro Penati – La Repubblica, 11 dicembre 2010

L’Enel e la strategia di sviluppo in Russia
dall’Ufficio Relazioni con i Media dell’Enel – La Repubblica, 14 dicembre 2010

Invia questo articolo:
  • email



Stampa questo articolo: