Islam sotto esame

agosto 31, 2017


Pubblicato In: Giornali, Il Foglio


Al mondo musulmano serve un Concilio di Trento. E’ l’unica strada per fermare il fanatismo.

I fanatici che uccidono in nome dell’islam agiscono all’interno del perimetro dell’islam. [...] I seguaci dell’Isis applicano al Corano alla lettera, fanno di questo il fondamento stesso della loro vita quotidiana, e vogliono riprodurre integralmente la prima forma politica conosciuta dall’islam, il Califfato. Il loro universo è certo anacronistico, ma corrisponde a una realtà che è esistita 14 secoli fa. [...] I soldati dell’Isis giustificano le loro azioni con riferimento al Corano e si rifanno a un contesto particolare della storia dell’Islam, quello segnato dalle guerre del profeta Maometto a Medina. [Agiscono] sulla base di un principio scritto nero su bianco nel Corano [2:191]: ‘Uccideteli ovunque li incontriate, e scacciateli da dove vi hanno scacciati”‘.

Se le cose stanno come nelle parole di Abdellah Tourabi (che Claudio Cerasa, sul Foglio del 21 agosto, vorrebbe si imparassero a memoria, e che io quindi incomincio col riprodurre), chi vuole rimuovere le radici religiose di questi atti terroristici è colpevole non di “cialtronismo populista”, ma di favoreggiamento: e come tale dovrebbe essere trattato.

E invece quei musulmani “che provano a denunciare nelle proprie comunità l’orrore del fondamentalismo islamico e l’efferatezza della legge coranica”? Non se ne disconosce la buona fede, ma se ne riconosca l’inadeguatezza. Perché la denuncia dell’orrore abbia effetto, bisogna che diventi condanna dell’errore. Perché i sentimenti umani non restino fatti individuali, bisogna che diventino posizioni dottrinarie. E’ necessario che venga esplicitamente riconosciuto che applicare oggi i princìpi enunciati dal profeta 14 secoli fa è un errore teologico, e che chi lo pratica si pone, lui e chi gli dà aiuto e supporto, fuori dalla religione islamica.

Dispute teologiche hanno marcato la nostra storia. Sappiamo bene cosa possono smuovere questioni quali la comunione dei fedeli, se debba essere sotto una o due specie, la salvezza, se dipenda dalla sola fede o anche ex bonis operibus, la verità religiosa, se stia nella Bibbia o se ci sia bisogno di intermediari tra Dio e l’uomo. Noi non ci siamo limitati a denunciare e a condannare, noi ci siamo divisi per le nostre idee. Abbiamo discusso, ragionato, definito, deliberato. Noi abbiamo avuto il Concilio di Trento.

Questo è quello di cui c’è bisogno, l’analogo per l’islam di quello che fu il concilio di Trento: una sorta di professio fidei che isoli, come fece quella tridentina, chi vuole l’interpretazione letterale e anacronistica del Corano, da quelli che ne danno una lettura relativistica. Con tutte le conseguenze che ne derivano, non solo in termini di rispetto per la vita, ma anche più in generale di rispetto degli individui, uomini e donne. Né dovrebbero temersi le guerre cui diede origine la divisione tra protestanti e cattolici, e che insanguinarono l’Europa: perché qui le guerre ci sono già state, anzi sono state loro a far crescer e a diffondere il terrorismo islamista.

L’assenza di una gerarchia religiosa

Se fosse di ostacolo l’assenza di una struttura religiosa gerarchica, dell’autorità riconosciuta di un Pontefice, se addirittura lo scisma secolare sciiti sunniti lo rendesse impraticabile, i concili potrebbero esser due o più. L’importante è che lo spazio di chi professa il Corano in modo anacronistico venga totalmente delimitato, isolato senza scappatoie; che quella lettura venga dichiarata blasfema; che chi la pratica loro e chi gli dà sostegno siano trattati come si fa con gli eretici (come è stato fatto per i “versetti satanici”, per intenderci). I seguaci dell’Isis non esitano di andare incontro a morte sicura per testimoniare fedeltà alla loro lettura del Corano: difficile quindi che tra loro si pratichi il nicomedismo. Nei paesi islamici in cui vige la sharia, la condanna religiosa avrebbe anche effetti civili, con ovvi vantaggi ai fini della repressione del fenomeno.

Che vantaggi deriverebbero all’islam “ufficiale”? Prima di tutto di diventare credibile quando denuncia l’orrore del fondamentalismo; e tanto di più quanto da parte occidentale aumenterà la pressione perché alle parole seguano i fatti. E’ fuor di ogni dubbio che la pacifica convivenza tra il resto del mondo e islam è un nostro obiettivo; ci sono moltissime ragioni perché sia, come storicamente è stata, di primario interesse per i vertici politico-religiosi dei paesi islamici. Togliere terreno alla cultura della violenza è interesse di tutti. Essere percepito come chi si rifiuta di farlo, dovrebbe non esserlo di nessuno.

Contro l’operazione rimozione di chi trasforma gli attentati in incidenti
di Claudio Cerasa – Il Foglio, 21 agosto 2017

Invia questo articolo:
  • email



Stampa questo articolo: