→ Iscriviti
→  maggio 30, 2005


di Timothy Garton Ash

Quindici anni dopo il crollo del Muro di Berlino, l’Occidente sta vivendo una grave crisi di identità.

L’Europa, una volta avviato il processo di unificazione politica, ha tentato di definire se stessa in opposizione agli Stati Uniti, che, colpiti al cuore l’11 settembre 2001, tendono sempre più a considerare il Vecchio continente un fastidioso ostacolo alla riaffermazione della loro leadership mondiale. Al punto che le contraddizioni esplose fra gli alleati occidentali dell’America in occasione della seconda guerra del Golfo, e culminate nel rifiuto di Francia e Germania di partecipare al conflitto iracheno, hanno fatto parlare di europeismo come alternativa all’antiamericanismo.

leggi il resto ›

→  febbraio 15, 2005


di Francis Fukuyama

Dopo aver clamorosamente predetto la fine della storia e l’egemonia della liberaldemocrazia, Francis Fukuyama analizza in questo suo nuovo libro un tema decisivo: la costruzione dei nuovi stati-nazione. La fine della storia, sostiene Fukuyama, non è un destino automatico e una politica di buon governo sarà sempre necessaria. Gli stati deboli e quelli falliti sono la causa di alcuni dei problemi più seri che minacciano il mondo. Fukuyama spiega in particolare come si possono trasferire a questi stati delle istituzioni pubbliche forti e funzionanti, le sole in grado di assicurare a essi e al mondo intero un futuro stabile e pacifico, e impartisce alcune lezioni tanto semplici quanto spesso disattese su come gli Stati Uniti e l’Europa possono gestire al meglio i casi più scottanti di state-building: l’Afghanistan e l’Iraq.

leggi il resto ›

→  novembre 11, 2004


di Buruma Ian, Margalit Avishai

Venticinque anni fa “Orientalismo” di Edward Said svelava come il concetto di “Oriente” fosse il prodotto dello sguardo colonialista dell’Occidente. Cosa succede quando “gli altri” ci osservano e vedono in noi solo i rappresentanti di un pensiero idiota, votato al culto del denaro e del successo? Attraverso una “spedizione archeologica” nella cultura occidentale, gli autori dimostrano come l’Occidente senz’anima e capace solo di pensiero-calcolo è un’immagine nata e alimentata in Occidente. E ora si rovescia nella versione “occidentalista” dei fondamentalisti islamici che ritraggono un’intera società come una massa di decadenti avidi, premessa intellettuale alla loro distruzione.

leggi il resto ›

→  ottobre 11, 2004


di Robert Kagan

Robert Kagan torna ad analizzare il rapporto Usa-Europa nel quadro di uno scenario internazionale sconvolto dai preparativi, dallo svolgimento e dalle conseguenze della guerra in Iraq. L’intervento militare americano ha infatti prodotto in Occidente una profonda spaccatura, che minaccia di indebolire tanto l’Europa quanto gli Stati Uniti, afflitti sul piano internazionale, per la prima volta dalla fine della seconda guerra mondiale, da una crisi di legittimità. La maggior parte degli europei ritiene oggi che l’amministrazione Bush abbia esagerato la gravità dei pericoli costituiti dalla proliferazione di armi di distruzione di massa e dal terrorismo, e contesta non solo la dottrina della “guerra preventiva”, ma anche l’”unilateralismo” americano.

leggi il resto ›

→  luglio 20, 2004

corrieredellasera_logo
Economia e politica – L’ultimo libro di Mark Roe

“La socialdemocrazia non va d’accordo con le public company”: la frase suona, in Italia, come una doppia provocazione: perché la società ad azionariato diffuso è un mito della sinistra, realizza la “democrazia economica”; e perché la parola “socialdemocrazia” ha una carica storica e simbolica più pregnante dell’inglese “social democracy” di cui è traduzione. E’ invece proprio la tesi di “La public company e i suoi nemici” (Il Sole 24 ore, Milano, 25 .00€) di Mark Roe.

leggi il resto ›

→  luglio 5, 2004

lastampa-logo
Un saggio di Nardozzi sulla nostra economia: dalla competizione dei singoli imprenditori alle privatizzazioni, al potere di politici e banche

L’Italia del dopoguerra ha conosciuto uno straordinario sviluppo economico: dall’analisi di quanto accadde in quegli anni è possibile trarre indicazioni valide oggi che l’Italia sembra invece aver smarrito la capacità di crescere. Questo è l’approccio metodologico da cui parte Giangiacomo Nardozzi in Declino e Miracolo (Laterza 2004, ppX-127, 10,00€). Ciò che si propone é individuare il singolo fattore capace di spiegare i successi di allora e le difficoltà di adesso.

leggi il resto ›