giugno 4, 2016


Pubblicato In: Articoli Correlati


Venezia, 10 maggio 2016







Milano, 12 maggio 2016

Il rebus (irrisolto) della politica industriale




Guarda il podcast della presentazione di Milano: Di Vico, Giavazzi, Prodi, Garavoglia – ma anche Romiti e Tronchetti Provera – e naturalmente l’autore col suo libro!





Torino, 16 maggio 2016







Roma, 24 maggio 2016



Guarda le foto della presentazione del libro di Franco Debenedetti a Roma, 24 maggio 2016






Vicenza, 09 giugno 2016

I Libri di Città Impresa







Torino, 13 giugno 2016







Bari, 30 giugno 2016





Rassegna Stampa


Franco Debenedetti questa sera a Bari


dalla redazione, 30 giugno 2016

Si presenta oggi a Bari, alle 19.30 al Circolo della Vela, (sede Margherita, ingresso libero), il libro «Scegliere i vincitori, salvare i perdenti» (Marsilio ed.), un saggio sullo Stato imprenditore in un’analisi critica di Franco Debenedetti.

Leggi il resto.



Politica industriale impresa a perdere


di Leonardo Petrocelli, 2 luglio 2016

«Qualcuno dovrebbe spiegarmi in virtù di cosa lo Stato potrebbe organizzare una buona politica industriale. Ditemelo, perché io non l’ho mai capito». S’inizia da qui, da un durissimo affondo che non concede spazio a deroghe e mediazioni, il ragionamento di Franco Debenedetti, già senatore in quota Pds e Ulivo, attuale presidente dell’Istituto «Bruno Leoni», nonché autore del volume Scegliere i vincitori, salvare i perdenti (Marsilio).

Leggi il resto.




Roma, 5 luglio 2016





Rassegna Stampa


Aiuto, all’Antitrust c’è Debenedetti


dalla redazione, 06 luglio 2016

Nella prestigiosa sede romana dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato, per tutti Antitrust, in genere si presentano pubblicazioni istituzionali. Stavolta invece l’Authority guidata da Giuseppe Pitruzzella ha deciso di ospitare la presentazione dell’ultimo volume di Franco Debenedetti, ex parlamentare e soprattutto fratello di Carlo De Benedetti (staccato, perché gli piace così), numero uno del gruppo Espresso-Repubblica: Scegliere i vincitori, salvare i perdenti è il titolo del volume edito da Marsilio.

Leggi il resto.




Napoli, 6 luglio 2016





Rassegna Stampa


Debenedetti, un liberista nella città statalista


di Marco Demarco, 06 luglio 2016

Ha scritto un libro contro l’«insana idea» della politica industriale, intesa sia come prassi sia come ideologia («Scegliere i vincitori, salvare i perdenti», Marsilio editore). E oggi Franco Debenedetti ha anche l’ardire di venire a presentarlo a Napoli. L’appuntamento è alle 18 a Palazzo Partanna con Ambrogio Prezioso, Antonio Bassolino, Paolo Cirino Pomicino e Antonio D’Amato. Perché l’ardire? Perché pure essendo Napoli la città di Croce e del pensiero liberale, qui di liberismo economico se n’è sempre masticato molto poco. E quasi mai in pubblico: sarebbe un po’ come professarsi juventini in curva B al San Paolo.

Leggi il resto.



Stato o mercato? Contano le regole


di Simona Brandolini, 07 luglio 2016

Metti un liberista dichiarato, un comunista, un democristiano e due industriali intorno allo stesso tavolo. Tre su quattro diranno, in modi diversi e punzecchiandosi, che serve alla fine “più Stato e più mercato”. E due su quattro non lesineranno critiche al Presidente del Consiglio. A Palazzo Partanna, sede dell’Unione Industriali, accolto dal Presidente Ambrogio Prezioso, Franco Debenedetti presenta il suo “Scegliere i vincitori, salvare i perdenti”, con Antonio Bassolino, Paolo Cirino Pomicino e Antonio D’Amato, moderati da Marco Demarco.

Leggi il resto.



Debenedetti: la politica industriale non serve lo dimostrano i fallimenti dei gruppi pubblici


di Sergio Governale, 7 luglio 2016

Mps è il tipico esempio dei mali italiani, in cui il legame tra politica e imprese in questo caso una banca ha finito per produrre danni al sistema economico, come scarsa competitività e maggiori oneri a carico dei contribuenti. Così Franco Debenedetti, presidente dell’Istituto Bruno Leoni, che ieri a Napoli ha presentato all’Unione industriali il libro «Scegliere i vincitori, salvare i perdenti».

Leggi il resto.



Il Capitalismo nella Prima Repubblica nel libro di Debenedetti


dalle redazione, 07 luglio 2016

La politica industriale? Un’idea insana”. A dirlo, e a scriverlo in un libro appena uscito intitolato “Scegliere i vincitori, salvare i perdenti” è Franco Debenedetti, imprenditore dall’azienda di famiglia, alla Fiat, dall’Olivetti, alla Sasib; poi senatore per il Pds e l’Ulivo dal 1994 e il 2006, autore di numerose pubblicazioni su temi economici e politici.
Nel suo libro, presentato all’Unione industriale di Napoli, parla dei partiti della Prima Repubblica e della loro idea di “capitalismo delle partecipazioni statali, delle privatizzazioni degli anni ’90, e delle aziende che non erano private, anche se privatizzate, come Telecom, e del governo Renzi”.

Leggi il resto.




Cortina, 29 luglio 2016







Lodi, 05 settembre 2016





Rassegna Stampa


Gli errori della politica industriale, a Lodi il nuovo volto di Forza Italia


di Federico Gaudenzi, 06 settembre 2016

Un’idea trasversale agli schieramenti politici e ai ceti sociali, l’idea che l’economia di uno Stato necessiti di una politica industriale. Questo il concetto che Franco Debenedetti, presidente dell’Istituto Bruno Leoni, cerca di sradicare con il suo “Scegliere i vincitori, salvare i perdenti”, presentato ieri sera all’appuntamento di Lodi Liberale insieme a Stefano Parisi, manager, ex-direttore di Confindustria e volto nuovo del centreodestra nazionale.

Leggi il resto.



Parisi inaugura gli incontri di Lodi Liberale


di Carla Parisi, 06 settembre 2016

È iniziato ieri sera in Sala Granata, davanti a un folto pubblico e con due relatori d’eccezione, il nuovo ciclo di incontri dell’associazione Lodi Liberlae. Il tema affrontato è stato quello della politica industriale, sulla quale sia Franco Debenedetti, autore di “Scegliere i vincitori, salvare i perdenti”, sia Stefano Parisi, manager e candidato sindaco alle passate elezioni di Milano, hanno espresso un’opinione molto chiara: l’intervento dello Stato nelle decisioni prese dalle industrie è da considerarsi un atteggiamento dannoso per la crescita economica ed è necessario superare tutte le resistenze del caso per superare questa mentalità.

Leggi il resto.



L’iniziativa privata corre più velocemente dei governi


di Associazione Lodi Liberale, 12 settembre 2016

Caro Direttore, lunedì 5 settembre sono riprese le nostre serate con la presentazione del libro di Franco Debenedetti “Scegliere i vincitori, salvare i perdenti” insieme all’autore e Stefano Parisi. Non più tardi di qualche giorno prima, la mezzobusto di un importante TG nazionale annunciava, con fiducioso compiacimento, l’intenzione del governo di stimolare la ripresa del sistema Italia destinando fondi pubblici ad investimenti “di qualità”.

Leggi il resto.




Brescia, 05 ottobre 2016





Rassegna Stampa


Debenedetti: “Così la politica industriale è divenuta insana”


di Camilla Facchini, 10 ottobre 2016

Le partecipazioni statali: una buona idea che si è incancrenita, in un Stato sostituendosi al mercato

Leggi il resto.




Alessandria, 11 ottobre 2016







Università degli Studi di Bergamo, 26 ottobre 2016







Padova, 28 ottobre 2016





Rassegna Stampa


“Lo Stato faccia il suo dovere non il mercato”


di Nicolò Menniti-Ippolito, 26 ottobre 2016

Franco Debenedetti è stato molte cose nella sua vita. Ha lavorato nell’azienda di famiglia, un’aziendina di meno di 100 dipendenti diventata la Gilardini, una piccola conglomerata quotata in Borsa; successivamente alla Fiat, direttore del settore Componenti; alla Olivetti, amministratore delegato per 14 anni; e poi ha fondato aziende innovative, per tre legislature ha fatto il senatore, Progressisti, Ulivo, DS. Ha assistito, insomma, da una posizione privilegiata a 60 anni di politica italiana. Ma accanto all’esperienza diretta c’è la passione per lo studio, la voglia di dire in pubblico le sue idee, e oggi lo fa come Presidente dell’Istituto Bruno Leoni, oltre che i suoi interventi sui giornali e coi suoi libri.
L’ultimo di intitola “Scegliere i vincitori, salvare i perdenti” (Marsilio, pp.336, 18 euro) e come recita il sottotitolo, si occupa di “L’insana idea della politica industriale”.

Leggi il resto.

Invia questo articolo:
  • email



Stampa questo articolo:


Tags: