→ Iscriviti
→  luglio 1, 1997


Il parere positivo espresso dal Comitato Monetario Europeo sul piano di convergenza italiano presentato da Ciampi ha conferma to che riusciremo a entrare con i primi nel nuovo sistema della moneta unica.
Promossa a Bruxelles per la materia «conti pubblici», l’Italia rischia però nei prossimi giorni di essere bocciata per la materia «mercato del lavoro» a Lussemburgo, se la Corte di Giustizia europea accoglierà le conclusioni della Commissione e dell’Avvoca to Generale, che chiedono la condanna del nostro monopolio stai tale dei servizi di collocamento al lavoro per la sua inefficienza strutturale e la conseguente violazione dei principi comunitari.

leggi il resto ›

→  febbraio 19, 1997


L’Italia, dice il recente rapporto del Fondo monetario sull’occupazione, e’ al primo posto quanto a rigidità del lavoro; il Governatore Fazio rilancia con tutta la sua autorevolezza l’esigenza di aumentare la flessibilità. Ma l’unica apertura in tal senso- i contratti d’area- risulta soffocata da vischiosità amministrative; e periodicamente- ultimamente Pierre Carniti- ripropone l’idea della riduzione d’orario a parità di salario come rimedio alla disoccupazione.

leggi il resto ›

→  febbraio 6, 1997


In tutti i paesi industrializzati dall’inizio degli anni 80 si è assistito ad una riduzione di richiesta di lavoratori non qualificati. In USA e Regno Unito, dove c’e’ flessibilità salariale, ciò ha prodotto una forte divaricazione di redditi tra lavoratori secondo il loro grado di istruzione, senza provocare forte disoccupazione; negli altri paesi europei, in cui minore è la flessibilità salariale, l’effetto è stato un forte aumento della disoccupazione.

leggi il resto ›

→  dicembre 9, 1996


Debenedetti: più attenzione per chi produce

Caro Presidente,

qualche mese fa tu hai un po’ dialogato, un po’ polemizzato con il Nord Est, simbolo dell’Italia che crea occupazione, che esporta, che, giunta piu’ di recente all’industrializzazione, organizza il lavoro in modo piu’ flessibile.

leggi il resto ›

→  febbraio 6, 1995


“Chi promette posti di lavoro per difendere i propri interessi, offende i disoccupati”: così diceva un manifesto che avevo fatto fare per la mia campagna elettorale. Io sono stato eletto, Berlusconi è andato al Governo, i posti di lavoro non ci sono stati, anzi la disoccupazione è aumentata, come era stato previsto. La sinistra non può non dare una risposta sul tema della disoccupazione: Deaglio ha perfettamente ragione.

leggi il resto ›

→  novembre 28, 1994


Due milioni di posti di la­voro nella sola Germa­nia potrebbero essere creati se il lavoro a tempo par­ziale venisse adottato in modo ampiamente diffuso. Questo il risultato clamoroso di uno stu­dio di Helmut Hagemann, ricer­catore della McKinsey.

leggi il resto ›