Perché l’astensione dell’Italia all’Unesco? Una risposta c’è.

ottobre 21, 2016


Pubblicato In: Giornali, Il Foglio


Al Direttore.

Questa è una lettera aperta al ministro degli Esteri Paolo Gentiloni.

Caro Paolo, l’Italia si è astenuta nella votazione con cui l’Unesco ha approvato in via definitiva la risoluzione in cui i luoghi santi della Città vecchia di Gerusalemme vengono menzionati esclusivamente con i loro nomi islamici e in cui si definisce Israele “potenza occupante”. Ti conosco da anni, ho anche scritto un libretto in polemica con una tua legge, ho motivo di ritenere che la mia stima sia ricambiata. Ricordo le tue iniziative durante la sindacatura Rutelli: non devo spiegare a te che cosa significa la risoluzione dell’Unesco per Israele e per gli ebrei, perché questa venga a ragione considerata una Shoah culturale. Ma voglio sapere il come e il perché.

Il come. Qual è la procedura con cui è deciso il voto dell’Italia all’Onu? è una decisione diplomatica o politica? Immagino che la struttura avrà preparato un dossier con i suoi pareri. Ma poi, chi decide? L’ambasciatore o il ministro? Il ministro o il governo? Viene informato il presidente della Repubblica? Quale procedura è stata seguita in questo caso? Il perché. Cinque paesi europei hanno votato contro, noi ci siamo astenuti. La struttura diplomatica sapeva certo quali sono le varie posizioni, sapeva che la risoluzione sarebbe passata comunque e ha deciso di astenersi. Evidentemente ha preferito allinearsi con la maggioranza anziché votare contro, come hanno fatto Inghilterra, Germania, Olanda, Estonia, Lituania. Evidentemente perché ragioni di convenienza hanno prevalso su quelle logiche ed etiche, nonché sulla verità storica. Quali erano quelle ragioni? La possibilità di avere un seggio temporaneo in Consiglio di sicurezza? Quella di vederci riconosciuto un ruolo di mediatore nelle vicende mediorientali? Oppure erano ragioni di convenienza economica, gli investimenti che le nazioni arabe hanno già fatto da noi, e quelli che potrebbero fare? O sono ragioni di politica interna, vedi mai anche queste legate al referendum del 4 dicembre? E’ una questione politica di prima grandezza, non la si può archiviare e lasciare che l’indignazione riempia le pagine del Foglio e poi si smorzi. Abbiamo il diritto di sapere quali sono i valori a cui il governo ispira il suo agire.
Con amicizia.

ARTICOLI CORRELATI
UNESCO Was a Diplomatic Defeat for Netanyahu
Haaretz, 16 ottobre 2016

Da forza morale a farsa morale. Bibi contro ONU e Unesco
di Netanyahu Benjamin – Il Foglio, 21 ottobre 2016

Invia questo articolo:
  • email



Stampa questo articolo: