Merendine

dicembre 16, 2016


Pubblicato In: Giornali, Il Foglio


Al direttore.

Tutto è normale nell’Itis Pininfarina di Moncalieri e nelle sue merendine. Normale che l’autorità reprima un’attività che, se generalizzata, trasformerebbe la scuola in un suk; normale (siamo ottimisti, è Natale) che qualcuno vi veda un’iniziativa “imprenditoriale” da premiare. Normalissima poi la protesta degli studenti, al punto da rendere l’episodio un apologo di come vanno le cose nel nostro paese. Da noi non manca chi si accorge delle inefficienze, vede i vantaggi che con l’eliminarle verrebbero a sé e ad altri. Ma il cittadino diffida dell’iniziativa individuale, sta dalla parte di chi difende le regole, e sopporta il danno che gliene deriva. Nessuno se la prende col regolatore (il preside), che con le sue regole (le merendine si possono comperare solo alle macchinette) crea un monopolio, e non si cura di controllare il costo (bastava che andasse a comperare una merendina al supermercato) e negoziare il prezzo (vendere grosse quantità senza commessi dovrebbe consentire prezzi ancora inferiori. La gente ha paura della libertà, non crede nei benefici della concorrenza. Vale per le merendine come per i servizi pubblici locali, per l’istituto di Moncalieri come per le municipalizzate del comune. E alla maggioranza sta bene: il preside rimane al suo posto, e nessun sindaco ha perso le elezioni perché non ha eliminato un monopolio.

ARTICOLI CORRELATI
Torino, borsa di studio a studente che vende merendine a scuola. Protesta dei compagni: “Immeritata”
Il Fatto Quotidiano, 13 dicembre 2016

Torino, snack a scuola. Parla Antonio: “Io, venditore di merendine, sospendono me e non i pusher”
di Stefano Parola – La Repubblica, 22 novembre 2016

Do you have a permit for that? NCC shuts down kids’ lemonade stand
di Chloé Fedio e Idil Mussa – CBCNews, 03 luglio 2016

Agli studenti in sciopero di Moncalieri si regali Thoreau
di Giuseppe Portonera – The Fielder, 15 dicembre 2016

Invia questo articolo:
  • email



Stampa questo articolo: