Lettera al direttore

giugno 1, 2012


Pubblicato In: Giornali, Il Foglio


Due sono le frasi memorabili che Stefano Ricucci avrebbe coniato durante la vicenda Bnl-Unipol: la prima sui furbetti del quartierino, la seconda, scabrosetta, su involontari scambi di ruoli sessuali. La sentenza che dopo sette anni assolve gli imputati in quella vicenda compie una singolare crasi: i veri furbetti del quartierino erano proprio coloro che usavano la prima frase per compiere, ai danni degli accusati, le attività di cui alla seconda.

ARTICOLI CORRELATI
La verità su Unipol-Bnl: così l’Italia ha perso una banca
di Ronny Mazzocchi – L’Unità, 01 giugno 2012


Fazio riabilitato, ma nessuno ci dà la Bnl
di Franco Bechis – Libero, 01 giugno 2012

Invia questo articolo:
  • email



Stampa questo articolo: